martedì 2 agosto 2016

Mathom: i collezionisti di Tolkien si danno appuntamento a Fantastika (Dozza)


Così come preannunciato sul sito dell’Associazione Italiana Studi Tolkieniani, A Fantastika una mostra e l’asta dei collezionisti, anche quest’anno ritorna per il terzo anno consecutivo il Mathom, Incontro nazionale dei Collezionisti Tolkieniani Italiani. E lo fa in grande stile e in una cornice meravigliosa, dopo esser stato ospitato nel 2014 e 2015 nel maestoso Castello di Barletta, in Puglia, della Rocca sforsesca di Dozza (BO), all’interno di FantastikA 2016.

Il Mathom
“Mathom”… ma cosa significa?

Con la parola "mathom”, gli hobbit indicano tutto ciò di cui non conoscono le origini né il significato esponendoli in musei, come quello di Pietraforata sui Bianchi Poggi. Quale nome migliore per indicare l’annuale incontro nazionale dei collezionisti tolkieniani?
Promosso dall'Associazione Collezionisti Tolkieniani Italiani, la realtà italiana che vede riuniti i collezionisti di Tolkien, in collaborazione con Tolkieniano Collection, il più seguito blog sul collezionismo ispirato al professore di Oxford, l’evento è unico nel suo genere ed è pensato e costruito per chi ama collezionare. E non importa da quanto tempo!
L’evento permetterà, ad “antichi” e “giovani” collezionisti, di confrontarti sulle edizioni di Tolkien italiane e straniere, su oggetti e memorabilia, discutere delle valutazione e i posti in cui cercare. Il tutto miscelato con i consigli e i suggerimenti dei più importanti esperti italiani ed europei. Inoltre, sin dalla sua prima edizione, è l’occasione per conoscere nuovi collezionisti e amici, venditori seri e onesti (vigiliamo noi “antichi”!!!) ma anche artisti eccezionali così come accaduto nel 2014 con Piero CridaRoger Garland e Linda Garland o nel 2015 con Cor Blok. E quest’anno a Fantastika potrai conoscere il grande Angelo Montanini che di quell’evento è il padrino sin dalla prima edizione.

Le attività del Mathom
Il Mathom 2016, come anticipato, si terrà all’interno di FantastikA 2016, la grande manifestazione nazionale fondata e curata dall’illustratore/set designer Ivan Cavini e organizzata dalla Fondazione Dozza Città d'Arte, con il patrocinio del Comune di Dozza e la collaborazione dell'AIST (Associazione Italiana Studi Tolkieniani).
Il Mathom è un insieme di attività tutte ispirate al collezionismo tolkieniano e alle sue diverse forme letterarie e artistiche. Non una target prefissato ma è aperto a chiunque ami collezionare libri, oggetti, memorabilia ispirata ai film di Peter Jackson, che sia esso agli inizi o che lo faccia da tantissimi anni. Non è una competizione ma un modo per condividere la propria passione con altre tantissime persone.

La conferenza Anche quest’anno, oltre al semplice piacere di conoscere altri collezionisti (il confrontarsi aiuta a crescere), ci sarà una conferenza tenuta da Oronzo Cilli su Il collezionismo tolkieniano: cosa, come e perché, durante la quale verranno illustrati i vari aspetti del collezionismo tolkieniano con suggerimenti su dove e come acquistare, su come riconoscere le firme vere di Tolkien e tante altre curiosità che possono servire all’ormai vasto mondo del collezionismo ispirato a Tolkien.

La mostra La Tolkieniano Collection non è stata mai esposta al grande pubblico ma quest’anno, in occasione dei suoi vent’anni e grazie alla collaborazione nata tra l’evento di Fantastika e il Mathom, sarà presente a Dozza in tutta la sua bellezza. Nei giorni di Fantastika 2016, infatti, appassionati, lettori, collezionisti o semplici curiosi potranno visitare per la prima volta in Italia, una mostra esclusiva e davvero unica dal titolo "Tolkien inedito: l'uomo, lo scrittore, il professore" - esposizione di libri e documenti inediti appartenuti all'autore del Signore degli Anelli. Suddivisa in tre sezioni, vedrà l’esposizione di libri e documenti relativi alla sua vita privata, a quella accademica e infine narrativa. Chi verrà a Dozza potrà ammirare da vicino la bellissima calligrafia su lettere e libri di J. R. R. Tolkien, di sua moglie Edith, di suo padre Arthur oppure quella dei figli e dei nipoti. Ma potrà anche vedere da vicino le edizioni dei suoi maggiori lavori in prima edizione come il The Lord of the Rings (1954-55), The Hobbit (1938) e altre prime edizioni estere che accompagneranno le famose prime edizioni italiane della Compagnia dell’Anello dell’Astrolabio (1967) o i celebri “pelle marrone” e pelle verde. Infine, soprattutto per gli studiosi, saranno esposti per la prima volta tutti i libri accademici con saggi scritti da Tolkien dal 1922 al 1962.
Le visite guidate Per tutta la durata dell’evento verranno organizzate delle visite guidate di mezz’ora dove Oronzo Cilli accompagnerà i visitatori alla scoperta di questi meravigliosi oggetti raccontando aneddoti e curiosità.

L’asta Nella giornata di domenica 25 settembre, dalle ore 15:30 alle 17:30, il Mathom vedrà il Tolkien Book auction, un momento privato e riservato a un gruppo di persone regolarmente iscritte. Non ha carattere commerciale né vuole sostituirsi a forme riconosciute di vendita ma nasce con lo scopo di far incontrare appassionati di libri e oggettistica ispirata al mondo di J. R. R. Tolkien. Per due ore si potrà cedere o arricchire la propria collezione. Scopri come al seguente LINK.

Fantastika 2016
FANTASTIKA è la biennale d'arte italiana dedicata al genere fantastico che si svolge nella magica cornice del museo della Rocca di Dozza, nello splendido borgo medievale, situato sulle colline del bolognese a pochi chilometri dalla via Emilia.

Con la parola Fantastico si definisce un genere che a sua volta si suddivide in vari sottogeneri. Tra questi: la fantascienza, l'horror, l'epica, lo steampunk e il Fantasy che nell'uso comune è quello più legato al fantastico.
FANTASTIKA esplora il fantastico in tutte le sue sfaccettature, con una particolare attenzione all'illustrazione fantasy. Per fare questo si avvale della collaborazione di professionisti del settore, artisti e docenti di fama nazionale e internazionale, attraverso l'organizzazione di mostre, incontri, spettacoli e performance artistiche.

-La prima edizione si è svolta il 27 e 28 settembre 2014.
-La seconda il 16 e 17 maggio 2015.
-La terza edizione si svolgerà il 24 e 25 settembre 2016 e vedrà la nascita del drago di Dozza!

Fondatore e curatore della biennale è l'illustratore/set designer Ivan Cavini.
FantastikA è organizzata dalla Fondazione Dozza Città d'Arte, con il patrocinio del Comune di Dozza e la collaborazione dell'AIST (Associazione Italiana Studi Tolkieniani).
Patron della manifestazione è il docente/illustratore Angelo Montanini.

Video di presentazione di FantastikA 2016



ARTICOLI CONSIGLIATI

LINK ESTERNI
– Vai al sito ufficiale di Fantastika
– Vai alla Pagina Facebook di Fantastika
– Vai alla Sito ufficiale di Tolkieniano Collection
– Vai alla Pagina Facebook di Tolkieniano Collection
– Vai alla Sito ufficiale di Ivan Cavini
– Vai al sito della Associazione Italiana Studi Tolkieni
– Vai al sito della Fondazione Dozza Città d’Arte

Il Mathom III sarà ospitato da FantastikA 2016 a Dozza!


Mathom III
24-25 settembre 2016
A cura dell’Associazione Collezionisti Tolkieniani Italiani
in collaborazione con Tolkieniano Collection

Tolkien Book auction

Dopo i primi due Mathom organizzati a Barletta nel 2014 e 2015, quest’anno il terzo appuntamento nazionale dei collezionisti tolkieniani italiani si sposta in Emilia-Romagna, all’interno della maestosa rocca sforzesca del comune di Dozza, ospite di FantastikA 2016. Il Mathom III, organizzato dall'Associazione Nazionale Collezionisti Tolkienieniani e Tolkieniano Collection,  sarà infatti ospitato all’interno dell’evento nato da un idea dell'attuale coordinatore Ivan Cavini e organizzato dalla Fondazione Dozza Città d'Arte, con il patrocinio del Comune di Dozza e la direzione artistica dell'AIST (Associazione Italiana Studi Tolkieniani).

Ma cosa significa Mathom? Gli hobbit indicano con la parola mathom tutto ciò di cui non conoscono le origini, né il significato, e sono esposti in musei come quello di Pietraforata sui Bianchi Poggi. Quale nome migliore per l’incontro nazionale dei collezionisti tolkieniani? Unico nel suo genere, è promosso dall’Associazione Collezionisti Tolkieniani Italiani in collaborazione con Tolkieniano Collection ed è appuntamento pensato e costruito per chi ama collezionare – non importa da quanto tempo – libri e oggetti ispirati alle opere del professor John Ronald Reuel Tolkien.

L’evento permetterà, a “vecchi” e “giovani” collezionisti, di confrontarti sulle edizioni di Tolkien italiane e straniere, su oggetti e memorabilia. Il tutto miscelato con i consigli e i suggerimenti degli esperti.
Anche per questo 2016 è in programma l’appuntamento per chi vuole arricchire la propria collezione o cedere alcuni dei suoi pezzi.

Domenica 25 settembre dalle ore 15:30 alle 17:30 si terrà il Tolkien Book auction

REGOLAMENTO
Tolkien Book auction

Art. 1
Descrizione

Il Tolkien Book auction è un momento privato e riservato a un gruppo di persone regolarmente iscritte secondo le modalità indicate al successivo art. 2. Non ha carattere commerciale né vuole sostituirsi a forme riconosciute di vendita ma nasce con lo scopo di far incontrare appassionati di libri e oggettistica ispirata al mondo di J. R. R. Tolkien.

Art. 2
Modalità d’iscrizione

Il Tolkien Book auction è riservato solo a chi regolarizzerà l’iscrizione nei tempi e nei modi qui descritti:

1. Aver compilato il modulo on-line al seguente LINK;
2. Aver ricevuto la mail di conferma e la descrizione delle modalità di partecipazione;
3. Aver versato la quota di partecipazione relativa che verrà restituita al momento nelle modalità di seguito descritte;

Art. 3
Partecipazione

È possibile partecipare come:

1. Collezionista interessato alla ricerca di libri/oggetti per ampliare la propria collezione (d’ora in poi Collezionista “A”);
2. Collezionista interessato a cedere libri/oggetti della propria collezione (d’ora in poi Collezionista “B”).

Oppure ricoprendo entrambe le caratteristiche.

Art. 4
Quota d’iscrizione

Non sono previste quote d’iscrizione ma solo un contributo che potrà essere restituito come di seguito indicato:

1. Al Collezionista “A”, come indicato nella mail che verrà inviata dopo l’invio del modulo on-line, verrà richiesto una quota minima di partecipazione che verrà restituita al momento del primo acquisto qualunque sia l’importo.
2. Al Collezionista “B”, come indicato nella mail che verrà inviata dopo l’invio del modulo on-line, verrà richiesto una quota minima di partecipazione che verrà restituita al momento dell’arrivo all’incontro di domenica.

In caso di assenza, in entrambi i casi, la quota verrà trattenuta come contributo all’organizzazione.

Art. 5
Obblighi del Collezionista “B”

Il Collezionista “B”, così come indicato dalla mail che riceverà dopo la compilazione della scheda on-line, è tenuto ad inviare l’elenco dei libri/oggetti che intende portare al Tolkien Book auction, con indicato il prezzo base di ciascuno.
Si precisa che la partecipazione non è aperta ad attività commerciali ma solo a collezionisti che intendo cedere o scambiare i libri della propria collezione con altri appassionati e che non deve intendersi come una vera e propria asta. A tal proposito si precisa che l’organizzazione si riserva il pieno diritto di escludere determinati libri/oggetti e se lo riterrà opportuno anche il Collezionista “B” restituendogli quanto previsto all’art. 4 e comunicandogli tale scelta in qualunque momento.

Art. 6
Svolgimento

Il Mathom si svolgerà nella sola giornata di domenica 25 settembre dalle ore 15:30 alle ore 17:30. I Collezionisti “B” dovranno esser presenti nella sala indicata entro le ore 15 mentre i Collezionisti “A” potranno accedere in qualunque momento.

Poiché il Mathom e il Tolkien Book auction nascono con la sola idea di mettere in contatto i Collezionisti, non ci sarà la figura del banditore, ma sarà previsto un facilitatore che gestirà l’incontro e garantirà il corretto svolgimento.

Entrambi i Collezionisti riceveranno entro una settimana prima dell’inizio di FantastikA 2016 un elenco dei libri/oggetti presenti al Tolkien Book auction con la relativa richiesta base.

Ogni libro/oggetto sarà presentato secondo il numero crescente attribuitogli dall’organizzazione. Sarà dunque presentato con il numero assegnato, se necessario con una descrizione del valore collezionistico o storico, e lo si proporrà ai partecipanti. Ogni libro/oggetto sarà conteso entro un tempo massimo indicato all’inizio del Tolkien Book auction e dipenderà dal numero totale dei libri/oggetti presenti.

Il libro/oggetto andrà a chi, alla fine del nel tempo prefissato, avrà fatto la miglior offerente.

Si ribadisce che è un’attività tra privati e senza nessuna finalità commerciale. Il facilitatore potrà, a suo insindacabile giudizio, se riterrà superato un limite ragionevole della trattativa, bloccarla e chiedere al Collezionista “B” e ai Collezionisti “A” interessati, di proseguire privatamente l’eventuale cessione.

Art. 7
Contributi / scambi

Per ogni libro/oggetto ceduto, il Collezionista “B” s’impegna a contribuire con una piccola quota al fondo spese sostenute dall’organizzazione che rilascerà la relativa attestazione associativa così come indicato nella mail che riceverà. Il Tolkien Book auction non persegue nessun fin di lucro e ogni contributo sarà utile a coprire le diverse spese sostenute per la buona riuscita dell’evento.

Il pagamento e lo scambio avverrà direttamente tra il Collezionista “B” e il Collezionista “A” alla fine del Tolkien Book auction.


Art. 8
Obblighi

Non vi sono obblighi di nessun tipo ma solo il rispetto della buona educazione e dello spirito collezionistico che risiede in ognuno dei partecipanti.

Link consigliati

martedì 9 febbraio 2016

A Roma, il 20 febbraio 2016, una giornata dedicata al collezionismo tolkieniano

Sabato 20 febbraio al Vigamus di Roma, l'Associazione Collezionisti Tolkieniani Italiani e Tolkieniano Collection organizzano una giornata dedicata al collezionismo tolkieniano.

L'evento è gratuito e aperto fino ad esaurimento posti a collezionisti o semplici appassionati del professor J. R. R. Tolkien possessori del biglietto d'ingresso del Vigamus, che per l'occasione sarà di 5,00 € (cinque euro) anziché 8,00€ (otto euro). Visto il limitato numero di posti, e per garantirvi la priorità, vi consigliamo di iscrivervi compilando il modulo in fondo a questa pagina. 

Il programma prevede:

09:30   Registrazione dei partecipanti
L'incontro è aperto a tutti fino ad esaurimento dei posti. Si darà la priorità a chi si iscriverà compilando il modulo in fondo alla pagina.

10:00   Sessione I : Dove, cosa e come acquistare
Dove acquistare libri e oggetti? Solo in libreria o su Ebay, Amazon, Abebooks? Oppure... Cosa comprare? Libri accademici o edizioni straniere del Signore degli Anelli? Come acquistare? Queste e ad altre domande cercheremo di dare risposte, suggerimenti e consigli utili a costruire una bella collezione senza dover dilapidare il proprio capitale.

11:30   Sessione II : Esperienza a confronto
I collezionisti raccontano le proprie esperienze, gli acquisti, le delusioni e le emozioni per un libro acquistato e da tempo cercato.

12:00   Dibattito
Confronto aperto tra tutti i partecipanti

13:00   Sessione III :  Mathom
I partecipanti possono portare con sé libri e oggetti tolkieniani che vorrebbero far valutare oppure cedere e scambiare con gli altri partecipanti. Le modalità verranno illustrate in apertura dell'evento.
14:00   Arrivederci

... continua
Al termine dell'incontro, con chi avrà il piacere, ci sposteremo a Frascati per seguire, a partire dalle ore 17:00 presso la Sala degli Specchi del Palazzo Comunale la conferenza su "L'Eroe e la Scelta: dal Medioevo al Signore degli Anelli". Evento promosso dall'Accademia Medioevo in collaborazione con l'Associazione Italiana Studi Tolkieniani con il Patrocinio del Comune di Frascati e in collaborazione con "ilmamilio.it" e l'Associazione "Eldalie".

A
introdurre e coordinare la giornata sarà Oronzo Cilli, conosciuto come Tolkieniano Collection e presidente dell'Associazione Collezionisti Tolkieniani Italiani.

Per tutte le info potete inviarci una MAIL.

Si ringrazia per il supporto Roberto Arduini


Modulo d'iscrizione

giovedì 27 agosto 2015

Hobbit Village al Castello di Barletta il 5 e 6 settembre. Ritorna il grande evento dedicato a J.R.R. Tolkien, autore del Signore degli Anelli

Tra gli ospiti l'artista olandese Cor Blok, amico di J.R.R. Tolkien
Barletta ritorna a ospitare il grande evento dedicato allo scrittore inglese J.R.R. Tolkien e alle sue celebri opere de Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit: Hobbit Village. Il 5 e 6 settembre il Castello di Barletta ritornerà infatti ad essere un pezzo della Terra di Mezzo del Sud popolata da hobbit, elfi, nani, raminghi, stregoni e perché no, goblin, orchi, troll, Nazgul e draghi! Tanti gli ospiti così come le attività, gli stand, i giochi e le sorprese. Organizzato come lo scorso anno dal gruppo che oggi è diventata l’Associazione Collezionisti Tolkieniani Italiani, in collaborazione con il FIOF, Fondo Internazionale per la Fotografia e la Comunicazione gode ancora una volta del patrocinio del Comune di Barletta, che ha voluto inserire nel proprio calendario degli eventi estivi questa grande kermesse, e del Presidente del Consiglio della Regione Puglia. Una Festa alla quale non si può di certo mancare capace di offrire un programma che lo rende l’evento per eccellenza per curiosi e appassionati di Tolkien e del genere fantasy. Mostre, ospiti speciali, conferenze, stand, sessioni cosplay, presentazioni di libri, sessioni di disegno, giochi da tavolo e dal vivo, collezionismo, animazione per bambini, Quidditch, sessioni trucco e tantissimo altro ancora per un appuntamento assolutamente gratuito. 
Al suo interno ritorna il secondo incontro dei collezionisti tolkieniani italiani che richiamerà molti appassionati alla ricerca di edizioni e oggetti rari. E quest’anno, dopo la speciale presenza degli illustratori inglesi Roger e Linda Garland, ci sarà Piero Crida, noto per aver illustrato le più belle copertine dei libri di Tolkien pubblicate in Italia da Rusconi dal 1970 al 1990, e l’olandese Cor Blok, un ospite davvero eccezionale. Per la prima volta in Italia è stato uno dei pochi illustratori che Tolkien abbia apprezzato, tanto che oltre a mantenere con lui una corrispondenza continua, acquistò alcune delle sue opere. E Barletta ospiterà anche la mostra Tra Italia e Olanda: Piero Crida e Cor Blok illustrano J.R.R. Tolkien con i disegni originali che i due artisti realizzarono per l’edizioni italiane e olandesi del Signore degli Anelli e Lo Hobbit. Un modo straordinario e unico per festeggiare tre importanti anniversari tolkieniani che ricorrono proprio quest’anno: il 60° della visita che Tolkien tenne in Italia (1955), il 50° della pubblicazione in Olanda delle edizioni illustrate da Cor Blok e il 45° della pubblicazione della prima edizione italiana de Il Signore degli Anelli illustrata da Piero Crida. Assieme a loro due opere della giovane talentuoso Andrea Piparo.
Hobbit Village sarà molto altro ancora! Tanti gli ospiti italiani e stranieri. Le conferenze vedranno lo studioso olandese René van Rossenberg che parlerà del viaggio di Tolkien in Olanda nel 1958; il traduttore e autore tedesco Marcel Aubron-Bulles che tratterà di Tolkien e la Prima Guerra mondiale; il regista Cosimo Damiano Damato che dopo la proiezione del medio metraggio La Luna nel deserto discuterà di animazione civilegli scrittori Tommy Dibari che terrà una lezione sulla scrittura creativa e poi assieme a Nicky Persico e Alessio Viola presenterà Inchiostro di Puglia. Il Libro, dell’omonimo progetto culturale di successo lanciato da Michele Galgano. Ancora, Paolo Gulisano, vicepresidente della Società Chestertoniana Italiana e autore di libri su C.S. Lewis, Belloc, Tolkien e MacDonald che tratterà del rapporto tra Tolkien e l’Irlanda; la scrittrice palermitana Loredana La Puma, il direttore artistico del Greisinger Museum di Jenins in Svizzera, Davide Martini; il vice caporedattore di Rai Parlamento e conduttore di diverse trasmissioni televisive sui canali RAI, Adriano Monti Buzzetti che intervisterà Piero Crida e presenterà con Oronzo Cilli un nuovo libro su Tolkien l’esperantista, in uscita in lingua italiana, inglese ed esperantista. Il barlettano Cilli parlerà anche del rapporto tra Tolkien e il mondo dei fumetti e dei cartoon da Nathan Never a Dylan Dog, da Topolino a Louis Bemrejo. Ci sarà anche un omaggio al medievista Giosué Musca, professore all'Università di Bari, in occasione del decimo anniversario della sua scomparsa con una conferenza de Giuseppe Losapio sul tradurre il Beowulf.
Spazio agli artisti con uno spazio appositamente pensato. Da Matera l’artista Raffaele Pentasuglia che terrà un workshop sulla lavorazione dell’argilla; l’illustratore romano Andrea Piparo; il bitontino Arcangelo Ambrosi maestro della lavorazione del legno nella produzione di pipe e infine Oriana Cauli una professionista del make-up che mostrerà tecniche di trucco ed effetti speciali. E quest’anno c’è una novità in più per gli amanti della lingua e della calligrafia elfica con la partecipazione del milanese Roberto Fontana, autore di diversi libri tolkieniani, impegnato in due laboratori per appassionati e principianti.
Una bella iniziativa sarà quella di Libera un Libro dove chiunque potrà portare un libro, lasciarlo e prendere un altro gratuitamente. Un modo per mettere in circolo la cultura e ampliare le proprie letture. Presenti anche i giochi da tavolo con la Fumetteria Area 51la Vipera del Tubo e La Congrega del Dado Incantato che terranno corsi e tornei sui giochi più importanti e seguiti del momento. E non poteva mancare il gioco dal vivo grazie alla presenza di una grande realtà come l’Associazione Ludica Apulia (ALA) ideatrice della campagna di gioco più famosa attuata sino ad ora nella nostra regione: “Guerre del Caos”, una campagna di GRV ambientata in un mondo fantasy-medievale ispirato all'immaginario fantasy classico, da quello tolkieniano a quello più “moderno” di Warhammer Fantasy. Guerre del Caos organizzerà anche tornei di tiro con l’arco, Cacce al tesoro e tornei d’arme. Spazio anche al mondo dei cos play con la presenza delle pluripremiate Miriam Cospaly Art Shadowings Cosplay che terranno anche un corso su come si costruiscono le armature. All'evento parteciperà anche l'impersonator Antonio Amoruso, conosciuto nel mondo tolkieniano italiano come Aragorn, Grampasso.
Due saranno i contest: il Barletta Cosplay Challenge, aperto a tutti i cosplay e il Foto Contest organizzato dal FIOF in collaborazione con Photosì. Ma Hobbit Village avrà anche un’area dedicata alla saga di Harry Potter e in particolare al suo gioco più famoso, il Quidditch, con la presenza di due vere e proprie squadre che si alterneranno in dimostrazioni e mini tornei: la Levante Quidditch Bari e la Lupiae Quidditch Academy di Lecce. E poi animazione per bambini con le letture di fiabe a cura di Francesca e Loredana La Puma della libreria Il Paiolo magico e le attività di gioco promosse dall'Associazione culturale Esperanto di Barletta con l'aggiunta di una mostra interattiva curata da Maria Cristina De Nicolo. E ancora stand ed espositori pugliesi e stranieri come il famoso Tolkienshop di Leiden (olanda), il più grande negozio al mondo esclusivamente dedicato a Tolkien e alla Terra di Mezzo, e poi il Fumetto nascosto, il Pianeta dei Sayan, NakamaMagneti animatiFumetteria Terra di MezzoFumetteria Area 51, La Vipera dul Tubo, La Penna Blu e tanti altri ancora.
Infine, grazie alla collaborazione con la OtakuBus, domenica 6 settembre ci saranno autobus che partiranno da  LecceTaranto, BrindisiMassafra e Bari per raggiungere Barletta e la Terra di Mezzo. Tutte le info sono reperibili sul sito ufficiale dell’evento e sul Programma.

martedì 30 giugno 2015

Tolkien dell'artista Raffaele Pentasuglia in edizione limitata, numerata e certificata


J.R.R. Tolkien
di Raffaele Pentasuglia
2015
Serie limitata e numerata 1/50


Al mondo, così come raccontato in un mio precedente post, esistono tre busti celebrativi di J.R.R. Tolkien. Il primo fu realizzato quando Tolkien era ancora in vita, nel 1958, dall’allora moglie del figlio Christopher, Faith, poi collocato nel novembre 1967 nella libreria della Facoltà d’inglese dell’Università di Oxford. Un secondo busto, sempre realizzato da Faith, è invece stato collocato nel 1977 nella cappella dell'Exeter College, sempre a Oxford. Il terzo, infine, è stato realizzato da Steve Paterson in un’edizione limitata e numerata a cinquanta copie. A parte quelle su citate, non conosco altre opere che celebrano il professore di Oxford e quella che vi presento è possibile considerarla la quarta e la prima realizzata da un artista italiano.


Quest’anno, assieme ad altri amici collezionisti, abbiamo dato vita all’Associazione Collezionisti Tolkieniani Italiani, una realtà che, in pochi mesi è cresciuta in iscritti e attività. Tra le diverse iniziative abbiamo pensato di creare qualcosa di unico per noi collezionisti e appassionati della vita e delle opere di Tolkien coinvolgendo giovani e talentuosi artisti. E così, dopo aver lanciato la serie dei Calici celebrativi dell’opera di Piero Crida, realizzati da Marco Francesconi, ecco presentare una seconda opera anche questa in edizione limitata, numerata e certificata.


L’autore è Raffaele Pentasuglia, “un artista della terracotta di Matera e della cartapesta, ironico e irriverente quanto basta, i suoi soggetti preferiti sono ispirati alla realtà ma anche alla fantasia”. Laureato in Fisica a Milano ha deciso di ritornare nella sua Matera per far diventare, riuscendoci e con grandi risultati, la sua creatività e bravura il proprio lavoro. Raffaele ha una Bottega in via delle Beccherie, Matera, dove le sue idee prendono vita e si può ammirare ciò che crea.

L'amicizia nata tra Raffaele e il nostro Presidente, dopo che questi aveva visto le foto di alcune sue sculture esposte ad un evento a Milano dedicato a Tolkien, ha fatto nascere l'idea di proporgli un’opera particolare, sicuro del risultato. E così è nata questa meravigliosa statua che ritrae il Professore che tiene nella mano destra la pipa, quella sinistra nella tasca del panciotto e alle spalle una pila di libri.


La statua è stata creata da Raffaele Pentasuglia in terracotta che è servita per creare le cinquanta copie in edizione limitata, numerata e certificata. Infatti, ogni copia oltre a riportare inciso il numero è accompagnata dalla certificazione che ne certifica l’autenticità. La numero uno è presente nella collezione del nostro Presidente.


Questa splendida statua è possibile acquistarla da Raffaele e, ai soli soci della nostra Associazione, con un particolare sconto. Un pezzo davvero unico.


Qui è possibile richiedere informazioni.


Raffele Pentasuglia si racconta in uno speciale andato in onda su RAI 1 girato nella sua bottega su "Matera: gli artigiani laureati".

video

mercoledì 3 giugno 2015

Donato Giancola e Lorenzo Gammarelli: i nostri due nuovi soci onorari

La famiglia dell'Associazione Collezionisti Tolkieniani Italiani cresce sempre più con le tante iscrizioni che arrivano da ogni parte d'Italia (e Svizzera!) ma anche con chi accetta la carica, sempre con grande entusiasmo, di entrare a farne parte in qualità di Socio onorario.

Si tratta di studiosi, autori, artisti e personalità che con il proprio lavoro contribuiscono a divulgare l'amore per J.R.R. Tolkien e la sua opera. Nomi italiani e stranieri che tutti noi appassionati conosciamo e ne stimiamo e apprezziamo il lavoro.

La nostra giovane realtà può contare, ad oggi, nella presenza di Piero Crida, che ricopre anche la carica di Presidente onorario, storico illustratore delle copertine dei libri di Tolkien pubblicati in Italia dal 1970 al 1992 da Rusconi. Soci onorari sono anche Bernd Greisinger, fondatore e presidente del Greisinger Museum in Svizzera, il più importante museo ispirato a Tolkien; Davide Martini, uno dei massimi esperti di arte tolkieniana e direttore artistico del Greisinger Museum; Henk Brassien, olandese, grande collezionista di edizioni de Lo Hobbit - e non solo - e curatore del sito HobbitHunter.nl; Eduardo O. Ferreira, brasiliano, studioso tolkieniano, collezionista e curatore del sito TolkienBrasil.com. E poi, due tra i massimi studiosi al modno della vita e delle opere di Tolkien, autori d'innumerevoli pubblicazioni e curatori di edizione di libri di Tolkien pubblicati dall'HarperCollins, Christina Scull e Wayne G. Hammond. E ancora, due grandissimi artisti inglesi, Roger Garland e Linda Garland. Il primo, autore d'innumerevoli copertine dei libri e calendari di Tolkien pubblicati in Inghilterra e laseconda, proifica illustratrice che ha arricchito, tra le altre, il Bestiario di TOlkien di David Day.

A questi importantissimi nomi, se ne aggiungono due di riconosciuto valore: Lorenzo Gammarelli, apprezzato studioso tolkieniano e curatore di diverse pubblicazioni italiane su e di Tolkien oltre che grande collezionista e Donato Giancola, (un grazie va al nostro socio Giannandrea Sperti) il cui nome evoca quella magnifica produzione artistica tolkieniana capace di togliere letteralmente il fiato. Due amici che si sono uniti a noi e che salutiamo con grande affetto. Qui trovate le biografie dei nostri Soci onorari.

La nostra realtà associativa sta crescendo e speriamo di farlo ancora assieme a voi!

Donato Giancola - Hobbit-Explusion ©

domenica 24 maggio 2015

Il boccale per la birra creato da Marco Francesconi per i Collezionisti Tolkieniani Italiani


Boccale per la birra ( e non solo) creato esclusivamente dall'artista romano Marco Francesconi per la nostra Associazione con inciso il logo disegnato da Piero Crida.
Per informazioni chiedete QUI.